Basta violenti a scuola …

Non riesco proprio a capire cosa ci sia ancora da accertare da parte del Ministro Bussetti: un “insegnante” (virgolettato, per non offendere tutta la categoria), ex segretario regionale di Forza Nuova in Veneto, che -come fatto da Gianni Mura– non citerò esplicitamente per non fargli la pubblicità che non merita, ma indicherò solo le altisonanti iniziali, S. S. (nomen omen), si è lasciato andare ad esternazioni pubbliche su Facebook incitanti all’odio razziale e indirizzate per di più alla senatrice Liliana Segre.

Cosa c’è da pensare ancora, caro Ministro???

Ecco alcune delle frasi incriminate, che non credo meritino ulteriori commenti:

La Costituzione? È un libro di merda, buono per pulircisi il culo.

La senatrice Liliana Segre? Starebbe bene in un simpatico termovalorizzatore.

Erdogan? Avrà anche dei difetti ma rubargli qualche idea come le purghe a stampa, sindacati e polizia non sarebbe male

Campi di concentramento in Libia, sembra che la proposta sia già condivisa da tutti. A me piace.


Frasi riprese da Fanpage

A carico dell’ “insegnante” ci sono anche delle lettere di accusa da parte dei genitori, che denunciano il comportamento inadatto all’insegnamento ed alla società civile.

“Una volta accertati i fatti, assumeremo tutte le iniziative e le misure, anche sanzionatorie, necessarie a tutelare gli alunni e tutti i docenti che ogni giorno, anche a costo di enormi sacrifici, permettono alla scuola italiana di svolgere il suo fondamentale ruolo per i nostri giovani”

(comunicato stampa del ministro Marco Bussetti – MIUR)

Un fatto gravissimo che rischia di macchiare un’intera categoria già quotidianamente messa sotto accusa e linciata dall’opinione pubblica.

Anche questa è violenza, la più becera, perché non si limita a presentare un’ideologia, ma lancia insulti razziali, incita all’odio. Ovvio che tutti meritano un processo, ma un presunto “docente” che snocciola pubblicamente i suoi pensieri non può essere lasciato impunito in cattedra, dove già ha fatto danni e rischia di farne ancora adesso che la sua vera indole è venuta a galla.

In un periodo di derive xenofobe, con pesanti arretramenti delle idee civili e progressiste della società, con personaggi ed istituzioni politiche che mettono in discussione il valore del 25 aprile ed i valori sociali, civili ed inclusivi della Costituzione, non penso ci debbano essere ancora dubbi sul cosa fare.

Cosa bisogna ancora accertare?


ci sto lavorando!
Successo! sei dei nostri


Published by

Massimiliano De Conca

Insegnante, filologo, curioso …. penso che ci siano dei momenti in cui sia giusto presentarsi in prima persona!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.