Alì dagli Occhi Azzurri
                                  uno dei tanti figli di figli,
                                  scenderà da Algeri, su navi
                                  a vela e a remi. Saranno
                                  con lui migliaia di uomini 
                                  coi corpicini e gli occhi 
                                  di poveri cani dei padri
sulle barche varate nei Regni della Fame. Porteranno con sé i bambini,
e il pane e il formaggio, nelle carte gialle del Lunedì di Pasqua.
Porteranno le nonne e gli asini, sulle triremi rubate ai porti coloniali.


                                  Sbarcheranno a Crotone o a Palmi,
                                  a milioni, vestiti di stracci,
                                  asiatici, e di camice americane.
                                  Subito i Calabresi diranno,
                                  come malandrini a malandrini:
                                 “Ecco i vecchi fratelli,
                                  coi figli e il pane e formaggio!”
                                  Da Crotone o Palmi saliranno
                                  a Napoli, e da lì a Barcellona,
                                  a Salonicco e a Marsiglia,
                                  nelle Città della Malavita.
                                  Anime e angeli, topi e pidocchi,
                                  col germe della Storia Antica,
                                  voleranno davanti alle willaye.

                                  Essi sempre umili 
                                  Essi sempre deboli 
                                  essi sempre timidi 
                                  essi sempre infimi 
                                  essi sempre colpevoli 
                                  essi sempre sudditi 
                                  essi sempre piccoli, 
essi che non vollero mai sapere, essi che ebbero occhi solo per implorare, 
essi che vissero come assassini sotto terra, essi che vissero come banditi 
in fondo al mare, essi che vissero come pazzi in mezzo al cielo, 


                                 essi che si costruirono 
                                 leggi fuori dalla legge, 
                                 essi che si adattarono 
                                 a un mondo sotto il mondo 
                                 essi che credettero 
                                 in un Dio servo di Dio, 
                                 essi che cantavano 
                                 ai massacri dei re, 
                                 essi che ballavano 
                                 alle guerre borghesi, 
                                 essi che pregavano 
                                 alle lotte operaie…


                            … deponendo l’onestà 
                                delle religioni contadine, 
                                dimenticando l’onore 
                                della malavita, 
                                tradendo il candore 
                                dei popoli barbari, 
                                dietro ai loro Alì 
dagli occhi azzurri – usciranno da sotto la terra per uccidere —
usciranno dal fondo del mare per aggredire — scenderanno 
dall’alto del cielo per derubare — e prima di giungere a Parigi

 
                                per insegnare la gioia di vivere, 
                                prima di giungere a Londra 
                                per insegnare ad essere liberi, 
                                prima di giungere a New York, 
                                per insegnare come si è fratelli 
                                — distruggeranno Roma 
                                e sulle sue rovine 
                                deporranno il germe 
                                della Storia Antica. 
                                Poi col Papa e ogni sacramento 
                                andranno su come zingari 
                                verso nord-ovest 
                                con le bandiere rosse 
                                di Trotzky al vento…

Pier Paolo Pasolini
in Poesia in forma di rosa,1964


ci sto lavorando!
Successo! sei dei nostri

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.