Diario della Quarantena /8 – reddito e solidarietà

La crisi del Coronavirus sta opprimendo la vita di tutti noi, particolarmente i più fragili e deboli. Anni e anni di politiche neoliberiste e di tagli allo Stato sociale hanno reso molto più difficile mettere a punto la resistenza all’emergenza sanitaria e lo stato degli ospedali lo dimostra ampiamente.

La paura è diventata l’elemento dominante delle nostre vite e nella paura si sono allentati i legami sociali e politici e la nostra stessa capacità di affrontare questa emergenza con lucidità e visione collettiva.

Non possiamo permettere che all’emergenza sanitaria si sommi una devastante emergenza sociale e lavorativa. Servono misure emergenziali e servono ora:

  • utilizzare gli strumenti esistenti estendendo a tutti e tutte coloro che si fermeranno dal lavoro una cassa integrazione in deroga, senza vincoli di sorta, che protegga il posto di lavoro e garantisca il reddito;
  • garantire la totale fruibilità degli ammortizzatori sociali come Naspi, Dis.Coll e gli assegni ordinari dei Fondi di solidarietà;
  • un monte ore di ferie straordinarie, pagate con risorse pubbliche, per i lavoratori che intendano usufruirne senza la sciagurata raccomandazione di assegnare ai lavoratori oggi le ferie di riposo che normalmente spettano;
  • se tali misure non bastano estendere il reddito di cittadinanza, un «reddito da quarantena», a coloro che verranno colpiti dalla crisi;
  • bloccare licenziamenti e mancati rinnovi contrattuali fino al termine dell’emergenza;
  • garantire continuità di reddito ai lavoratori free lance che non possono lavorare;
  • bloccare rate mutui e affitti per chi non può lavorare;
  • garantire il diritto di cittadinanza ai migranti che rischiano di perdere il diritto di soggiorno con la perdita del posto di lavoro;
  • assicurare un congedo parentale retribuito al 100% per chi ha figli minori fino a 14 anni e senza limiti d’età per chi ha figli disabili per l’intero periodo di quarantena;
  • garantire l’effettivo blocco della produzione per motivi di sicurezza a eccezione dei gangli vitali e degli approvvigionamenti essenziali a partire dalla filiera alimentare;
  • rigida e assoluta dotazione di tutte le protezioni necessarie per coloro che resteranno al lavoro con un piano di ispezioni a tappeto, tra cui ovviamente i lavoratori e lavoratrici del sistema sanitario;
  • provvedere fin d’ora a un piano di rifinanziamento del Servizio sanitario nazionale per rimettere lo stato sociale al centro delle priorità politiche;
  • mettere in campo da subito un piano straordinario per garantire nuova e buona occupazione e un rilancio dell’economia appena l’emergenza sarà finita. 
  • in tal senso moratoria immediata su tutti i parametri dell’Unione monetaria al di là di piccoli aggiustamenti dettati dalla flessibilità o dalle pallide politiche di sostegno della Banca centrale europea;

Ci sarà tempo per fare il bilancio di una crisi che oggi appare ancora senza sbocco.

Leggi l’articolo integrale su Jacobin Italia


Comincio un diario legato al periodo che grazie al DPCM dell’8 marzo trascorrerò in casa o comunque in una sorta di isolamento legato alle misure di prevenzione del Coronavirus.


ci sto lavorando!
Successo! sei dei nostri

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.