L’ultimo inverno di Rasputin, di Dimitri Miropol’skij [Fazi editore 2019]

Stoccolma, 1912. Durante i giochi olimpici, la nazionale Russa è sconfitta 16-0 dalla Germania (ben 10 segnature sono di Gottfried Fuchs): potrebbe sembrare una semplice partita di calcio, ma la tragicomica sconfitta della nazionale russa è l’emblema dello sbando in cui versa la Russia zarista, molle, svogliata, disunita. Questa mancanza di carattere fa andare su tutte le furie lo squattrinato Vladímir Vladímirovič Majakóvskij che, appresa la notizia da un giornale in un bar, non può non vergognarsi del punto così basso nel quale versa il suo popolo e trova il colpevole: l’imperatore Nikolaj Aleksandrovič Romanov.

Nel suo girovagare fra i salotti letterari, da una bettola all’altra, seguito dal suo ‘mecenate’ David Burljuk, cerca di dare forma alle sue idee di progresso e di avanguardia, imbattendosi in opere quanto mai controverse, come Il maestro e l’allievo scritta da Velimir Chlebnikov, genio squilibrato che attraverso versi che si sono fatti numeri riesce a predire che il 1917 sarà l’anno fatale per un grande impero: o l’Inghilterra o la Russia. Di queste pulsioni non ha contezza lo zar Romanov, preoccupato soltanto di far fuori i Turchi e allargarsi nei Balcani: con il matrimonio la principessa Alice d’Assia si era assicurato l’appoggio della Germania, sarebbe stato un gioco da ragazzi. E se i soldati sono già in subbuglio, non è da meno la vecchia aristocrazia: ad Oxford Feliks Feliksovič Jusupov, fra un divertimento e l’altro, muove le fila di tutte le famiglie nobili impegnate ad ottenere dal sovrano ciò che loro desiderano e non ciò che vuole il Romanov. Per questo è sotto osservazione una figura singolare che da qualche tempo si aggira nelle stanze della corte imperiale, un mužik siberiano che ha già l’aura di un santone, Grigorij Efimovič Rasputin. Arrivato a San Pietroburgo e sistemato in una stanzetta, Griška frequenta assiduamente lo zar, dà consigli, prefigura scelte, infastidendo tutti quei nobili che si vedono scavalcati nelle gerarchie dell’imperatore fantoccio…

Continua a leggere su Mangialibri

ci sto lavorando!
Successo! sei dei nostri

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.