Carlo Cottarelli

L’ignoranza di Carlo Cottarelli

Sicuramente Carlo Cottarelli, candidato a fare il premier prima di “Giuseppi” Conte, di scuola sa ben poco e lo ha dimostrato ancora una volta.

In un articolo sulla Stampa di oggi, il manager già commissario contro gli sprechi, contesta le assunzioni di “85.000 nuovi insegnanti”, considerato uno spreco perché non sono una norma anti-Covid, dal momento che non è necessario intervenire -a suo dire- nel rapporto alunni-docenti con queste “nuove” assunzioni.
Ma si sbaglia!

Carlo Cottarelli punta il dito contro le nuove immissioni della scuola, senza sapere di cosa parla! Forse sarebbe opportuno documentarsi prima …

Gli errori di fondo del suo ragionamento, che dimostrano ancora una volta una visione miope e pregiudizievole della Pubblica Amministrazione, avvertita come un peso e non come una risorsa, sono almeno 2:
1- non sono posti “nuovi” e non richiedono finanziamenti aggiuntivi, dal momento che si tratta di posti già autorizzati nel bilancio dello Stato da anni perché corrispondono a posti in organico di diritto, dunque 30.000 sono necessari per coprire i pensionamenti e circa 55.000 sono i posti che sarebbero dovuti essere occupati già lo scorso anno, ma sono residuati per mancanza di aspiranti (il Ministero insiste nel rimandare il concorso straordinario, che poteva essere svolto almeno 2 anni fa con una procedura d’urgenza per il personale con già 3 annualità di servizio);

2- questi docenti NON vanno a migliorare il rapporto docenti-alunni dunque non rientrano nelle norme anti-Covid (come spiegato al punto 1), perché rappresentano il necessario strumento di stabilizzazione della pianta organica altrimenti destinata, come accade da anni, ad una continua precarizzazione.

Sicuramente ci sono sprechi e mancanze, ma non sono certo in questo atto dovuto dello Stato che per puntare alla qualità di un servizio non può rinunciare alla stabilizzazione degli organici (85.000 docenti sono il 10% dell’organico complessivo; a questi tutti gli anni se ne aggiungono altrettanti, circa 95.000, che vengono autorizzati come supplenti … abbiamo bisogno di 200.000 docenti da stabilizzare in questo momento, solo per il normale funzionamento della didattica nelle scuole. Poi se vogliamo sdoppiare le classi o comunque determinare gruppi classe più ridotti bisogna raddoppiare i numeri).

Come economista dovrebbe informarsi di più, prima di puntare il dito contro quello che non conosce.


ci sto lavorando!
Successo! sei dei nostri

Published by

Massimiliano De Conca

Insegnante, filologo, curioso …. penso che ci siano dei momenti in cui sia giusto presentarsi in prima persona!

Una risposta a "L’ignoranza di Carlo Cottarelli"

  1. […] Articoli come questo di Andrea Gavosto devono essere letti, perché dobbiamo capire dove alcuni vorrebbero portare la Scuola e l’istruzione. E dobbiamo smontarli con la bontà delle conoscenze e considerazioni che noi che viviamo nella scuola abbiamo il dovere di portare all’esterno oltre gli stereotipi degli slogan e della faciloneria dei soloni. […]

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.