Sepolcri di cowboy, di Roberto Bolaño [Adelphi 2020]

Prendere un aereo nel settembre del 1973 non è semplice, anche se vuoi semplicemente andare in Messico dove ti aspetta tuo padre, tuo marito. La milizia controlla, la milizia contiene e non vuole che le persone possano scappare dall’inevitabile repressione. Arturo Belano è alle prese con un check-in molto complicato, reso ancora più difficile dal nervosismo della madre che quasi si scontra fisicamente con la polizia. Alla fine c’è il ritorno a casa di Monica Vargas, dove sono ospiti in attesa del decollo.

Per il momento non ce n’è e devono rimandare il loro viaggio. Arturo è fuori controllo, preferisce saltare la scuola per trascorrere le sue giornate nelle librerie, ad ascoltare le storie delle terre della sua famiglia, a Villaviciosa, a Santa Teresa, paese di poche anime, ma tanta tradizione. Preferisce rifugiarsi nei film, nelle letture. Finché non capita nella resistenza cilena. E poi c’è Patricia Aranciba, che lo salva la mattina del golpe, per poi scomparire: desaparecida!

Continua a leggere su Mangialibri


ci sto lavorando!
Successo! sei dei nostri

Published by

Massimiliano De Conca

Insegnante, filologo, curioso …. penso che ci siano dei momenti in cui sia giusto presentarsi in prima persona!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.