Il bambino nascosto, di Roberto Andò [La nave di Teseo 2020]

Gabriele Santoro ha un rito: ogni mattina, mentre rifinisce la barba e aspetta il postino, declama una poesia allo specchio. Quella mattina è diversa perché, dopo aver aperto la porta ed essersi infilato di nuovo in bagno, tornando all’ingresso si accorge di avere una visita inaspettata: è Ciro, un bambino. Ciro, 10 anni, è il figlio di un padre scomodo, il camorrista Carmine, che controlla per il suo boss i traffici nel quartiere.

È terrorizzato e non sa dove andare, non parla e Gabriele non se la sente né di forzarlo né di lasciarlo andare via. Per questo gli dà ospitalità: un giorno, due giorni, cominciano ad esserci sospetti. Ciro confessa: ha commesso un piccolo furto, uno scippo, e adesso non può andare in giro, ha bisogno della protezione di qualcuno di cui fidarsi, soprattutto perché deve essere qualcuno fuori dalle logiche del quartiere e della malavita. Gabriele è proprio la persona che fa al caso suo: insegnante di pianoforte del prestigioso Conservatorio di Napoli, San Pietro a Maiella, trasferitosi in quei vicoli di Forcella proprio per lavoro, per concentrarsi su se stesso, lontano da quella borghesia, falsa, che ha lasciato, ma anche per riscrivere la sua vita. Adesso gli capita fra i piedi Ciro, ad interrompere ogni sua routine. La gente si insospettisce, ma non può tradire il suo nuovo amico…

Continua a leggere su Mangialibri


ci sto lavorando!
Successo! sei dei nostri

Published by

Massimiliano De Conca

Insegnante, filologo, curioso …. penso che ci siano dei momenti in cui sia giusto presentarsi in prima persona!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.