scuola
mondoscuola

La scuola che si trasforma per effetto del “virus meritocratico”

Di fronte alle difficoltà, siamo portati a difenderci aggrappandoci a quanto ci sta più vicino e tenendo lontano "i diversi". Succede anche nella Scuola, quando si vogliono formare le classi con i presunti più bravi che abitano nello stesso quartiere della scuola. Succede a Milano.

Ci voleva un virus per fare uscire la vera natura “meritocratica” , competitiva e classista che c’è nel mondo della Scuola?
Succede a Milano: per poter ridurre il numero di alunni per classe, non sarà possibile più accogliere tutte le iscrizioni al Liceo “Manzoni”, per cui il consiglio di istituto ha adottato due criteri:
– la provenienza geografica (prima quelli con residenza adiacente al Liceo, poi man mano allontanandosi);
– il merito scolastico (aver avuto come voti 9 o 10 in italiano, matematica, inglese e altre materie, in seconda media).

Poco importa se la dirigente scolastica ci ha ripensato e quei criteri sono stati rivisti: quello che conta è l’idea, un’idea classista di formare le classi … a fronte di una riduzione si scarta ciò che è lontano, nello spazio e nel merito, e si cerca di preservare il proprio simile.
A fronte di vincoli oggettivi, nelle scuole secondarie si individuano criteri per “selezionare” l’utenza, augurandosi di non doverli applicare, perché significherebbe svantaggiare qualche potenziale studente.
Normalmente si cercano criteri di inclusività o quanto meno non discriminatori, perché come dimostrano gli studi la geografia molto spesso determina e influenza il successo scolastico, non per una questione di talento, ma di opportunità. Escludere uno studente in difficoltà sociali e familiari significa molto spesso condannarlo agli stessi stenti in cui sono vissuti i genitori.

Escludere uno studente in difficoltà sociali e familiari significa molto spesso condannarlo agli stessi stenti in cui sono vissuti i genitori.

Dunque, è vero che il virus attacca soprattutto i più deboli rendendoli ancora più deboli, fortificando i forti: nel momento in cui si deve scegliere, non si opta per garantire il diritto di studio a tutti, magari partendo dai meno abbienti, a loro sarà concesso di poter continuare a galleggiare.


ci sto lavorando!
Successo! sei dei nostri

0 commenti su “La scuola che si trasforma per effetto del “virus meritocratico”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: