calcio

Un anno di juventus (2020)

Andando via della Juventus, Massimiliano Allegri aveva dichiarato che dopo di lui la squadra era da riformare. E non aveva tutti i torti, visti i limiti dimostrati dalla gestione di Maurizio Sarri e dalle enormi incertezze di mercato di Paratici (acquisti e cessioni [Joao Cancelo, Emre Can e Moise Kean su tutti]).

Maurizio Sarri ha soltanto messo in evidenza la necessità di un cambio di giocatori e soprattutto di mentalità che ormai è diventato un imperativo. Il nono scudetto non nasconde infatti gli insuccessi della stagione: persa la Supercoppa Italiana con la Lazio con un imbarazzante 1-3, sconfitta in finale di Coppa Italia ai calci di rigore con il Napoli, fatta fuori dal Lione agli ottavi di Champions League … ma soprattutto un bilancio deludente nell’anno solare, con il 55% delle vittorie, ma anche il 20% di sconfitte ed i 25% dei pareggi. Ben 39 reti subite …

Il progetto di Andrea Pirlo stenta a crescere, sicuramente perché non c’è stato tempo per assemblare e amalgamare la squadra, ma anche perché il mercato organizzato da Fabio Paratici non è stato dei migliori neanche per la stagione 2020-21.

Doppioni: la presenza di Dejan Kulusevski e di Federico Chiesa (100 milioni in due) richiede un lavoro strategico non indifferente, dato che i due sono -sulla stessa fascia o a fascia invertita- dei doppioni che si aggiungono a Federico Bernardeschi, oggetto oscuro della trequarti juventina. A questi poi si aggiunge Aaron Ramsey e anche un enigmatico Paulo Dybala che non è più attaccante, non è più trequartista, non è seconda punta … Sulle ali spuntano le prove superlative di Juan Cuadrado, che finora ha sempre superato l’uomo, uno dei pochi.

Centrocampo: fuori Miralem Pjanic per un macchinoso Arthur (buono, ma non top-player nonostante la strabordante prova del Bernabeu 3-0 …), ancora incompiuto Adrien Rabiot e in cerca di continuità Rodrigo Bentancor, l’unica nota positiva è Weston McKennie, che pressa e si propone, ma fa anche un po’ tanta confusione. Serve un faro che detti i tempi, potrebbe essere Bentancur, ma persistono dubbi sulla sua visione di gioco: il ragazzo non manca di grinta e personalità, ma non ha i piedi per far correre gli altri.

Difesa: Leonardo Bonucci sembra al capolinea, Mathijs De Light invece aspetta un partner all’altezza che lo esalti anche nella fase di costruzione. Danilo e Alex Sandro al momento sono jolly che spingono bene, ma chiudono male.

Senatori e personalità: Giorgio Chiellini e Gianluigi Buffon sono sempre presenti, ma non hanno più la stessa influenza di qualche anno fa, perché -con un Cristiano Ronaldo impegnato più su di sé che sul progetto (è sempre stata una fabbrica ed una azienda piuttosto che un uomo squadra)- i giovani mancano di personalità e non sono in grado al momento di dare la scossa ad una squadra al momento in cerca di identità.

Manovra: la costruzione del gioco spinge poco in verticale e a volte stagna nella trequarti avversaria in attesa di quello spunto che poi non verrà. Positivo l’atteggiamento aggressivo a tutto campo, ma il meccanismo è ancora da perfezionare.

Non sarà un mercato di riparazione sfolgorante, ma saranno necessarie delle cessioni pesanti (Paratici in questo difetta più che negli accordi per l’acquisto dei giocatori: Higuain e Matuidi sono andati via con indennizzo … la Juve non sa più vendere), prime fra tutte quella di Khedira, e alcuni acquisti mirati (un centravanti e un terzino, magari).

Si può fare …


ci sto lavorando!
Successo! sei dei nostri

Categorie:calcio

Con tag:,,,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.