Cosa c’è e cosa invece ci si aspetta dal Recovery Plan per la Scuola

Con tutti i limiti e con tutti i vincoli di spesa posti dalla natura di questi finanziamenti, l’importo (17 miliardi) e la destinazione dei fondi del Recovery Plan per il settore dell’Istruzione è insoddisfacente, nel merito e nel metodo. Il piano per i fondi straordinari europei è viziato da una visione sbagliata della scuola e soprattutto fornisce soluzioni parziali. Da rivedere, anzi … da riscrivere!

Vota:

nessun commento

Con tutti i limiti e con tutti i vincoli di spesa posti dalla natura di questi finanziamenti, l’importo (17 miliardi) e la destinazione dei fondi del Recovery Plan per il settore dell’Istruzione è insoddisfacente, nel merito e nel metodo.

Gli aiuti del Recovery Fund hanno delle condizionalità, come previsto per il MES (Meccanismo Europeo di Stabilità), ovvero la coerenza con le raccomandazioni specifiche per paese, nonché del rafforzamento del potenziale di crescita, della creazione di posti di lavoro e della resilienza sociale ed economica dello Stato membro. Anche l’effettivo contributo alla transizione verde e digitale rappresenta una condizione preliminare ai fini di una valutazione positiva. (A 19, Conclusioni finali del Consiglio Europeo di luglio).

Il primo 70 per cento delle sovvenzioni verrà impegnato entro la fine del 2022 e speso entro la fine del 2023. Il piano prevede inoltre che il restante 30 per cento delle sovvenzioni sarà speso tra il 2023 e il 2025. 

La quarta missione del nostro Recovery Plan riguarda proprio l’istruzione, l’università e la ricerca, per un totale di 28 miliardi di cui 17 sono utilizzati per la Scuola, con una duplice finalità:

  • potenziare gli apprendimenti scolastici
  • favorire il passaggio dalla scuola all’impresa

Ecco, subito la prima criticità: “dalla scuola all’impresa” nasconde un ritorno indietro alla “Buona Scuola” ed a quella visione della scuola come anticamera dell’ingresso nel mondo del lavoro.
Ma andiamo oltre e vediamo come si declinano queste proposte:

  • Aumentare l’offerta di asili nido e servizi per l’infanzia e favorirne una distribuzione
    equilibrata sul territorio nazionale
  • Ampliare le opportunità di accesso all’istruzione e contrastare l’abbandono
    scolastico e la povertà educativa
  • Migliorare i risultati e i rendimenti del sistema scolastico
  • Potenziare la formazione e il reclutamento del personale docente
  • Potenziare la didattica in particolare in discipline STEM, linguistiche e digitali anche
    attraverso una maggiore autonomia scolastica
  • Istituire un Fondo per la riduzione dei gap dell’istruzione e per facilitare la diffusione
    del tempo pieno su tutto il territorio nazionale
  • Rafforzare la formazione professionale secondaria e universitaria, l’apprendistato
    professionalizzante e gli investimenti in formazione terziaria
  • Ridurre lo squilibrio di competenze tra domanda e offerta di lavoro

Provo però un’analisi di alcuni punti che suscitano in me molte perplessità e che rischiano di essere l’ennesimo buco nell’acqua.

Potenziamento del settore 0-6 – In soldi significa destinare 3,6 mld per asili nido e servizi integrati e 1 mld per potenziare le sezioni primavera e scuola dell’infanzia. Ma come? Contestabile la finalità di questo potenziamento per sottrarre le donne dal lavoro di cura e diffondere la parità di genere: contestabile perché significa che non abbiamo l’obiettivo di “educare alla scuola”, ma di creare dei parcheggi affidati a chiunque del terzo settore purché i bambini liberino i genitori per farli lavorare.
E’ inutile girarci intorno: la generalizzazione del segmento 0-6 deve iniziare da riforme culturali e strutturali riguardanti spazi adeguati e risorse umane adeguate numericamente e professionalmente.
In Italia asili nido e scuole dell’infanzia non sono equamente distribuite su tutto il territorio, soprattutto non sono tutte appannaggio dello Stato, ma rientrano spesso in un sistema integrato con gli enti locali o sono lasciate ai privati (soprattutto cattolici). In larga parte del nostro Paese inoltre non ci sono strutture ricettive adeguate ad accogliere la didattica con bambini in età prescolare. Ci vogliono investimenti in formazione ed organico, che non possono essere garantite dal piano del Recovery perché poi impattano sul bilancio ordinario dello stato.
Servono cambiamenti di paradigmi culturali, prima che investimenti a caso.

Lotta alla dispersione scolastica: il principio è corretto, la soluzione è ridicolo, perché a costo zero! Ovvero si prevede la presenza di tutor esterni a supporto delle scuole che presentano maggiori difficoltà nei livelli di apprendimento degli alunni. Ora, al di là dell’errore enorme di ridurre le difficoltà scolastiche ai livelli di apprendimento misurati dai dati Invalsi (che sono una fotografia parziale di un determinato momento e non una analisi della complessità del contesto in cui le scuole operano), ci si aspetta investimenti sui settori maggiormente toccati dalla dispersione scolastica, ovvero la secondaria di I e di II grado, dove andrebbe aumentato il tempo scuola per coinvolgere i ragazzi in progetti oltre il curricolare. Non servono tutor, servono strutture ed organico. Per esempio bisogna investire per ridurre il numero massimo di alunni per classe (soprattutto nelle medie e nei professionali), in modo da garantire una didattica maggiormente personalizzata ed una vera autonomia organizzativa per le scuole.

Formazione del personale: si prevedono 400 milioni per la formazione in STEM e didattica digitale per 300 mila fra docenti ed ATA. Anche qui una grossa contraddizione rispetto al dato di partenza: la formazione come obbligo contrattuale è già prevista, mancano gli investimenti adeguati che non possono riguardare soltanto una parte, minoritaria, del personale. Perché la professionalità della scuola passa attraverso la formazione di TUTTO il personale, dirigente, docente, educativo ed ATA.
E poi l’oggetto della formazione è sbagliato, soprattutto se l’inizio dell’analisi parte dalla costatazione che i nostri studenti “sono piazzati male” rispetto ai dati Ocse-Pisa: Ocse-Pisa “misura” le capacità di comprensione dei testi e scrittura, dunque la formazione NON deve essere orientata verso STEM e strumenti informatici, ma deve interessare la didattica e la pedagogia tout court, semmai.

Ci sono poi alcune impostazioni di fondo che mi lasciano perplesso:

  • il Recovery Plan prevede riforme a traino di un certo peso e definite per legge, quando invece devono essere discusse in sede contrattuale: si parla infatti di carriera dei docenti (la solita solfa del middle management da cui allevare i futuri dirigenti scolastici) e di mobilità
  • il Recovery Plan annuncia una riforma del reclutamento dei docenti : stiamo ancora vivendo
  • il Recovery Plan annuncia una riforma dei professionali/tecnici: ne abbiamo bisogno in questo momento?

Tutti gli interventi sono curvati verso l’università o l’impresa ed hanno di fondo una visione della scuola come azienda (si veda anche la missione 1 dove si parla di pubblico impiego).
Dunque si tratta di un piano deludente che rischia di portare qualche pannicello caldo per qualche lobby, ma non risolve nessun problema concreto della scuola.

Da rivedere! Anzi, da riscrivere!!!


ci sto lavorando!
Successo! sei dei nostri

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.