Lazio first, diritti a geografia variabile: si vaccinano solo i residenti

Inizia la corsa al vaccino per il personale scolastico: il Lazio sceglie di vaccinare solo i residenti, considerando il personale pendolare una risorsa di serie B. Dovremmo invece prendere esempio da Cuba.

Vota:

nessun commento

Desta non poche perplessità la notizia di vaccinazioni solo per residenti e non per i pendolari da una regione all’altra.
Accade stavolta nel Lazio (non in una qualunque regione a marca leghista dell’operoso Nord) dove dalla mattina di lunedì 22 febbraio insegnanti e dipendenti della scuola cominceranno quindi a farsi somministrare la prima dose di vaccino recandosi nelle varie sedi ospedaliere e Asl indicate dalla stessa Regione, ma non potranno farlo, però, tutti coloro che lavorano nella Regione mantenendo la residenza altrove e non si sono nemmeno associati con un medico di base del Lazio: si tratta di almeno 10 mila lavoratori, non necessariamente precari, con appartamento in affitto o pendolari.

Ci illudevamo di essere in un’Italia unita e invece esistono sempre divisioni o per reddito o per provenienza o per residenza che fanno della nostra Penisola un’espressione geografica (la definizione risale addirittura al 2 agosto 1847 e fu coniata da Klemens von Metternich!) ancora lontana dal raggiungere un tratto davvero unitario.


L’assessore regionale alla sanità, D’Amato, si è subito giustificato che diversamente -dovendo accogliere le migliaia di lavoratrici e lavoratori soprattutto da Campania ed Abruzzo- deve essere garantita al Lazio una maggiore quantità di vaccino
Com’era? America first? Lazio first?

Per avere un’idea di cosa sia la democrazia e cosa sia davvero il socialismo, bisogna rivolgere lo sguardo a Cuba: il vaccino lì si produce autonomamente e, soprattutto, sarà messo dal governo a disposizione di tutti, turisti compresi.
Non è dunque estemporanea l’idea di andare a vaccinarsi lì, magari associando

Vale mas la vida des un ser humano que todo el oro del hombre mas rico del mundo


ci sto lavorando!
Successo! sei dei nostri

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.