attualità sport

Le Olimpiadi arcobaleno

Le Olimpiadi stanno diventando il palcoscenico di persone che reclamano la loro normalità: gesto importante contro ogni forma di pensiero omologante

Dopo la giornata di ieri, memorabile per l’Italia visti i due ori in discipline normalmente ostili agli atleti italiani (salto in alto e 100m piani), le Olimpiadi si avviano alla conclusione: ultima settimana ed ultimi giorni per migliorare il proprio medagliere.

Un risultato accomuna tutte e tutti gli atleti: la voglia di vivere, pensare, esprimersi prima di tutto come persone, quindi come simboli di una nazione intera.
Queste sono sicuramente (a memoria di stampa, cioè da quando si ha la voglia, più che il coraggio, di dichiarare il proprio orientamento sessuale) le Olimpiadi più arcobaleno degli ultimi decenni: sono circa 160 gli atleti che dichiarano la loro appartenenza alla comunità LGBTQ.

Dopo il tuffatore Tom Delay, è stato il momento di Lucilla Boari commossa davanti alla telecamere nel salutare il suo amore, Sanne, dall’altra parte dello schermo: questi saluti, queste dichiarazioni naturali e senza imbarazzo degli atleti devono essere un messaggio per tutti perché si possa andare oltre ogni pensiero omologante e discriminante.

Strumento di distrazione di massa un minuto al giorno

La querelle sull'obbligo vaccinale sta distraendo l'opinione pubblica da altri problemi che richiederebbero ben altra attenzione. L'esibizione vaccinale nasce da una cattiva informazione e soprattutto dalle speculazioni mediatiche che si girano intorno. — Send in a voice message: https://anchor.fm/massimiliano-de-conca/message
  1. Strumento di distrazione di massa
  2. Green pass day
  3. Essenziale è comprare molti libri
  4. Il semestre bianco
  5. La domenica della libertà d'amare

Sarà bello, quando sarà finita l’Olimpiade e saranno spente le luci sul grande palcoscenico mediatico, sarà, appunto, bello poter fare di quelle dichiarazioni la nostra normalità, poterne fare a meno perché non c’è bisogno di doversi giustificare o di dover spiegare a nessuno che quello che ci piace può non piacere ad altri.

E’ un bell’inno alla normalità, di cui dobbiamo farci tutti portabandiere.

ci sto lavorando!
Successo! sei dei nostri

0 commenti su “Le Olimpiadi arcobaleno

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: