letture

Acqueforti da Buenos Aires, di Robert Artl [Del Vecchio 2014]

Il merito di Artl è di rendere la normalità qualcosa di ricco e di vitale, che si staglia dallo sfondo del bozzetto senza diventarne protagonisti appariscenti: l’occhio esterno dello scrittore è in realtà una luce discreta che allarga e stuzzica la curiosità del lettore più annoiato. “La bellezza del poco o nulla”.

Le strade di Buenos Aires sono ricche di curiosità, soprattutto di personaggi rappresentativo di ogni tipo di varietà umana. Basta andare su un tram e vedere un ragazzo saltellare intorno alla sua bella che lo ignora e lo umilia: che strazio!

Lui pieno di attenzioni, appiattito come uno zerbino: che rabbia! Ma la bella ragazza smorfiosa non lo sa che il tempo passa, passa per tutti, anche per lei? Non sarebbe meglio a quel punto accontentarsi di un cuore puro e disinteressato, che però accompagnerà la sua inevitabile decadenza, piuttosto che chiudersi in un’algida distanza? Oppure basta spostarsi un po’ più in là e scorgere appoggiato ad un muro un altro giovane, un giovane già vecchio, che pensa da vecchio, che ragiona da vecchio e sta ad aspettare che la giornata passi, attraversandolo. Oppure basta guardare l’insegna di quel negozio: riparano bambole. Che forma di pigrizia, che forma di avarizia! Ci sono poi uomini gelosi delle loro donne, che vivono strangolati dalla loro gelosia: come quel marito geloso, che lavora nel proprio bar assieme alla moglie, soffrendo gli sguardi quotidiani che la bella donna riceve; ma lui, il marito sospettoso, è impossibilitato per indole a intervenire e per questo ha pensato bene di piazzare la donna, onesta, al grammofono del bar, risparmiando anche così ottanta pesos al mese che sarebbero destinate a una grammofonista. Dentro quel mondo quasi narcotizzato, abitudinario, la vita pulsa, basta andarla a cercare, o più semplicemente basta avere la pazienza di guardare con maggiore attenzione…

Continua a leggere su Mangialibri


ci sto lavorando!
Successo! sei dei nostri

0 commenti su “Acqueforti da Buenos Aires, di Robert Artl [Del Vecchio 2014]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: