La madre del partigiano

Sulla neve bianca bianca
c’è una macchia color vermiglio;
è il sangue, il sangue di mio figlio,
morto per la libertà.
Quando il sole la neve scioglie
un fiore rosso vedi spuntare:
o tu che passi, non lo strappare,
è il fiore della libertà.
Quando scesero i partigiani
a liberare le nostre case,
sui monti azzurri mio figlio rimase
a far la guardia alla libertà.

di Gianni Rodari

Diario della Quarantena /25 – il metodo Rodari

La realtà è più complessa di come sembra, ma per capirla bisogna scomporla in cose semplici, studiarla, condividerla e poi ricomporla. Questo è stato Gianni Rodari, un maestro fuori da ogni stereotipo che ha sperimentato una scuola militante, aperta a tutti, impegnata a costruire persone e non inculcare nozioni. La scuola della fantasia che spiega la realtà…

Continua a leggere

Il paese senza errori

C’era una volta un uomo che andava per terra e per mare
in cerca del Paese Senza Errori.
Cammina e cammina, non faceva che camminare,
paesi ne vedeva di tutti i colori,
di lunghi, di larghi, di freddi, di caldi,
di così così:
e se trovava un errore là, ne trovava due qui.
Scoperto l’errore, ripigliava il fagotto
e ripartiva in quattro e quattr’otto.

Continua a leggere

Il punto di Gianni Rodari su grembiule e disciplina

Discutere di educazione civica / cittadinanza e grembiulino oggi non è una grande novità; discutere di disciplina e ordine non è una novità.
Ma mai intervento può dirsi più compiuto e sensato di questo del grande maestro (in senso umano e pedagogico) Gianni Rodari. Da cui tutti noi ancora oggi abbiamo solo da apprendere.

Continua a leggere