A passo di donna

Qualche mese fa, un anno per l’esattezza, in occasione della scelta del Presidente del Consiglio, avevo sponsorizzato una candidatura finalmente femminile per il ruolo di capo dell’esecutivo, perché penso che sia arrivato il momento di dichiarare la sconfitta di genere e cambiare paradigma mentale: tutte le grandi potenze mondiali sono governate da uomini (Stati Uniti, Cina, Francia, Germania, Russia, Gran Bretagna …) con il risultato che siamo di fronte ad una società machista e competitiva (nel senso negativo del termine!), curvata su valori secondari e non indispensabili.
E’ di questo che abbiamo bisogno? Dubito.

Continua a leggere

La scuola che si trasforma per effetto del “virus meritocratico”

Ci voleva un virus per fare uscire la vera natura “meritocratica” , competitiva e classista che c’è nel mondo della Scuola?
Succede a Milano: per poter ridurre il numero di alunni per classe, non sarà possibile più accogliere tutte le iscrizioni al Liceo “Manzoni”, per cui il consiglio di istituto ha adottato due criteri:
– la provenienza geografica (prima quelli con residenza adiacente al Liceo, poi man mano allontanandosi);
– il merito scolastico (aver avuto come voti 9 o 10 in italiano, matematica, inglese e altre materie, in seconda media).

Continua a leggere