Buon anno, inizia la scuola (infinita, continua e col greenpass)

Inizia un nuovo anno scolastico, il secondo in epoca di emergenza sanitaria (a cui si aggiungono i mesi da marzo a giugno 2020) e quello che ci serve è un grande “in bocca al lupo!”.

Continua a leggere

Cyberbullismo come effetto del greenpass: tutti contro tutti

In questi giorni crescono la confusione e soprattutto il malcontento per le scelte incerte e discriminatorie che, dal Governo al Ministero dell’Istruzione, stanno accompagnando l’applicazione del DL 111/21, l’obbligo del passaporto vaccinale (green pass) per il personale scolastico.

Continua a leggere

Scuola: ko col green pass a rotelle, di Franco Bechis

Franco Bechis, direttore de Il Tempo, scrive un interessante articolo su cosa non è stato fatto per la Scuola per permetterne una ripartenza adeguata dopo la pausa estiva. Un’analisi lucida, attenta e anche critica sulle mancanze di un Ministero e della politica in generale che col green pass pensa di coprire tutte le magagne della sua incapacità.

Continua a leggere

Qualche informazione in più sul protocollo per la sicurezza della Scuola ed alcune riflessioni scomode

Il Protocollo della sicurezza sottoscritto il 13 agosto e subito in parte smentito dal Ministero dell’Istruzione stesso che lo ha sottoscritto [ecco, cominciamoci a chiedere qual è l’affidabilità della controparte, qual è la sua coerenza, qual è la sua lealtà …] determina le regole di comportamento comune per la sicurezza nella scuola, ma non può intervenire in materia di obbligo vaccinale che è normata per legge.

Continua a leggere

Almarina, di Valeria Parrella [Einaudi, 2019]

Elisabetta Maiorano ha cinquant’anni ed è vedova. Di mestiere fa l’insegnante e tutte le mattine entra ed esce dal carcere minorile di Nisida dove ogni giorno si reca per svolgere il suo lavoro con i giovani detenuti. I dieci passi che tutte le mattine deve fare per passare dal punto di riconoscimento alla sbarra d’accesso sono il rito che le permette di ripercorrere quotidianamente le ragioni per cui lei è lì, le permette di focalizzare il senso del suo lavoro che poi è anche il senso della sua vita.

Continua a leggere