La donna degli alberi, di Lorenzo Marone [Feltrinelli 2020]

La città non è più un posto per lei, ha bisogno di respirare una vita meno confusionaria e più sostenibile. Ha bisogno di spogliarsi di quelle sovrastrutture, di quel mondo vuoto di valori, ha bisogno di cercare qualcosa di essenziale, di unico, di irrinunciabile. Non resta allora che fuggire verso l’infanzia, verso quei luoghi che l’hanno vista crescere rimanendo immutati.

Continua a leggere