La UE si è piegata al ricatto delle case farmaceutiche (intervento di Manon Aubry)

«Non ci andrò leggera, signora Ursula von der Leyen…». Iniziava così l’intervento di pochi minuti, limpido e appassionato, con cui l’europarlamentare francese Manon Aubry si è rivolta alla presidente della Commissione europea in merito alla fallimentare gestione della campagna vaccinale Ue. Era il 10 febbraio e da allora le parole della Aubry hanno “accompagnato” tutte le iniziative delle associazioni e delle forze politiche che sostengono la campagna di raccolta firme europea «per rendere i vaccini e le cure anti-pandemiche un bene pubblico globale, accessibile gratuitamente a tutti e tutte» facendo pressione sulla Commissione affinché metta l’istanza all’ordine del giorno.

Continua a leggere

Robert Menasse, La capitale [Sellerio, 2018]

Bruxelles, la “capitale” dell’Unione Europea, è teatro delle vicende di diversi personaggi, tutti protagonisti di loro storie individuali in un quadro complessivo più complesso. Ed uniti tutti dalla visione di un maialino in fuga che, come impazzito, attraversa la città portando con sé il mistero della sua corsa.

Continua a leggere